www.asyabahis.org www.dumanbet.live pinbahiscasino.com www.sekabet.net olabahisgir.com maltcasino.net www.faffbet-giris.com www.asyabahisgo1.com www.dumanbetyenigiris.com pinbahisgo1.com www.sekabet-giris2.com olabahisgo.com www.maltcasino-giris.com faffbet.net www.betforward1.org www.betforward.mobi 1xbet-adres.com 1xbet4iran.com www.romabet1.com yasbet2.net 1xirani.com romabet.top www.3btforward1.com 1xbet https://1xbet-farsi4.com بهترین سایت شرط بندی
mercoledì, Luglio 24, 2024
ComunicaIn
HomeEvidenzaL'InterventoEntro fine anno il decreto liste d’attesa dovrebbe essere operativo

Entro fine anno il decreto liste d’attesa dovrebbe essere operativo

di Bruno Messina

Il decreto sulle liste d’attesa, voluto dal Ministro della Salute Schillaci, è stato recentemente approvato dal Consiglio dei Ministri e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 7 giugno. Tuttavia, per diventare operativo, dovrà essere convertito in legge entro il 6 agosto e seguirà poi l’iter dei decreti attuativi, con una piena operatività prevista non prima del prossimo autunno.
Come sappiamo, l’obiettivo di questo decreto è quello di ridurre le liste d’attesa nel Servizio Sanitario Nazionale, migliorando l’accesso dei cittadini alle visite mediche e alle cure. E il piano prevede due provvedimenti principali: un decreto legge con 7 norme e un disegno di legge con 15 articoli.
Tra le varie misure previste troviamo: l’istituzione di un CUP unico regionale esteso anche alle strutture private; la possibilità di effettuare esami e visite anche nei weekend; un sistema che garantisca tempi certi per le prestazioni tramite intramoenia e privati.
Dopo la conversione in legge, saranno necessari almeno sette decreti attuativi, i cui tempi di realizzazione variano dai 30 ai 60 giorni per alcuni, mentre per altri non sono ancora stati definiti.
In particolare, l’Articolo 1 del decreto prevede l’istituzione presso l’AGENAS della Piattaforma Nazionale delle Liste di Attesa. Le linee guida per la realizzazione e l’interoperabilità di questa piattaforma dovranno essere adottate entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione, quindi entro i primi di ottobre.
Per l’implementazione di queste misure, sarà fondamentale la collaborazione con le Regioni e le Aziende Sanitarie, affinché il decreto non rimanga inattuato.

Bruno Messina
Avvocato, Presidente del Codacons Siracusa, Vice Presidente Codacons Sicilia

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -ComunicaIn

I PIÙ LETTI